+

Cos’è e come fare personal branding: 3 consigli pratici

BY Mariagrazia Semeraro | 30 maggio 2018
Cos’è e come fare personal branding: 3 consigli pratici

Le strategie di promozione dell’immagine di un brand sono valide anche per le persone e definite con il termine personal branding.

Detto in altre parole, se hai un’azienda, in qualità di titolare, dovresti pensare di promuovere te stesso per fare in modo che i tuoi potenziali clienti scelgano la tua azienda fra mille competitor. Ma anche se non hai un’azienda e vuoi promuovere le tue capacità e vuoi distinguerti dagli altri per trovare un lavoro o per qualsiasi altro motivo devi pensare di fare personal branding.

 

Ma come fare personal branding in modo efficace?

Cura i tuoi canali social personali

È facile cadere nella tentazione di postare selfie al mare o con le occhiaie con la didascalia “Buongiornissimo”, ma ai clienti, ai potenziali clienti e ai recruiter quello che fai durante il giorno e di notte non interessa. Devi cominciare a pubblicare sui social solo quello che è davvero rilevante per la tua immagine, le tue capacità, il tuo talento, le tue battaglie, le tue passioni. Se sei il titolare di un’azienda di costumi da bagno, però, posta pure foto al mare! Insomma, costruisci la tua immagine e cura i tuoi contenuti per avere risultati anche sulla tua azienda o startup.

 

Promuovi quello che sai fare meglio

Qual è la cosa che sai fare meglio? Qual è il settore che conosci a menadito? Ecco, parlane sui social, sul tuo blog, ovunque, per risultare esperto di un determinato campo. Commenta i post dei tuoi amici, allarga le tue cerchie, fatti conoscere su blog, forum, gruppi social relativi al tuo settore. Passando da te, arriveranno alla tua azienda, se piaci agli utenti, a loro piacerà anche la tua azienda. Ricorda che devi puntare alla promozione della tua persona e/o azienda tra i fan, al passaparola digitale, che vale più dell’autopromozione.

 

Iscriviti insieme ai tuoi dipendenti su LinkedIn

In una strategia di social marketing che punti al miglioramento della reputazione e visibilità on line del proprio business, si passa anche dalla promozione da parte dei dipendenti dell’azienda. Linkedin permette di mostrare il lato professionale di una persona e i dipendenti possono creare interesse sull'azienda di cui fanno parte: quando un potenziale cliente immette delle keyword nel motore di ricerca interno e trova la tua pagina aziendale, ha la possibilità di identificare anche coloro che ne fanno parte, conoscere quindi i valori del brand/azienda e chiedere il collegamento per avere maggiori informazioni sui prodotti o servizi offerti. Per quanto riguarda il personal branding di professionisti, LinkedIn permette di curare il proprio curriculum, esportare il profilo in formato PDF, condividerlo in più lingue, ricevere raccomandazioni che testimoniano la tua professionalità e le tue skills. Headhunters e recruiter cercano candidati su LinkedIn: è finita l'era delle candidature spontanee e, se intendi ancora inviare la tua candidatura via e-mail, distinguiti dalla massa inviando il tuo curriculum LinkedIn e una lettera di presentazione accattivante!

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici a cui potrebbe interessare e continua a seguirci!