+

Ecco almeno 5 errori da evitare sui social

BY Mariagrazia Semeraro | 11 aprile 2019
Ecco almeno 5 errori da evitare sui social

Ogni strategia di marketing passa anche dai Social Media, per una promozione che si fonda sulla produzione di contenuti che permettono di raggiungere micro obiettivi (engagement, visite al sito web, contatti…) e macro obiettivi (obiettivi che l’azienda si è posta, ad es. lancio e promozione di un nuovo prodotto sul mercato tra i ragazzi under 21 in sei mesi con almeno 300 acquisti da e-commerce).

Essere presenti sui social è gratis, ma senza obiettivi è difficile capire se si sta facendo un buon lavoro e senza una strategia non si possono raggiungere grandi risultati. 

Se parliamo spesso di strategy e idee per gestire al meglio i social, non possiamo a questo punto ignorare anche gli errori più frequenti:

 

1. Essere presenti su tanti social ma gestirne solo uno

Instagram, Facebook, Twitter, LinkedIn, Pinterest, Youtube: hai davvero bisogno di essere presente su tutti i Social Network? Meglio scegliere con accuratezza solo i social presidiati dal tuo target e dedicare a essi più tempo, piuttosto che essere ovunque con account non attivi e dedicando poco tempo a quelli davvero necessari.

 

2. Essere troppo autoreferenziali

I social dovrebbero essere usati per raccontare storie e non per una sterile autopromozione. Basta pensare a tutti gli annunci e i post visualizzati dalle persone ogni giorno per capire che per essere notati, per attirare un like, un commento o una condivisione occorre fare la differenza. E la differenza la fa la narrazione, lo storytelling. Pensa a non pubblicare solo e sempre i prodotti nudi e crudi ma a offrire al tuo pubblico qualcosa di cui abbia veramente bisogno o che voglia davvero leggere.

 

3. Non pubblicare regolarmente

Pianificare i post significa anche calendarizzarli: è bene postare regolarmente, con appuntamenti ben definiti per abituare il tuo pubblico a seguirti, magari preannunciando con altri post gli appuntamenti più seguiti. Ad es. se sei un ristorante e ogni venerdì alle 15 pubblichi una videoricetta, puoi annunciare l’appuntamento la mattina alle 11 e chiedere al pubblico di indovinare o fare uno spoiler per tenere incollato il tuo pubblico alla tua fan page. Su Facebook, fare dei tentativi con diverse tipologie di contenuti in diversi orari è una soluzione per capire come interagisce il tuo pubblico e a che ora è maggiormente connesso. Su Instagram, l’algoritmo è studiato per mostrare nel feed i contenuti degli utenti non in base a un ordine cronologico bensì a seconda di quali sono gli interessi della persona che lo usa.

 

4. Non avere un budget per la pubblicità su Facebook

È ormai chiaro che la portata organica delle pagine aziendali su Facebook è in costante calo e se non ottieni i risultati che ti aspetti è perché i contenuti vengono mostrati sempre alle stesse persone, il 10-20% circa dei tuoi fan.

Ovviamente, ogni tanto riuscirai a pubblicare un post in sintonia con ciò che il tuo pubblico vuole leggere che riceverai uno stuolo di commenti e reazioni, per poi ripiombare nel silenzio con il post successivo.

Se non hai un grosso budget, non preoccuparti: punta alla visibilità e alle interazioni con i tuoi post piuttosto che a obiettivi specifici che richiedono uno sforzo maggiore (come richieste di contatto, vendite ecc.).

Soprattutto per le attività locali, anche un minimo di budget può fare la differenza e, se nel breve periodo ti regala un like o un nuovo fan, nel lungo periodo quel fan può trasformarsi in prospect o in cliente. Quindi, investi sempre nei post migliori della tua pagina per allargare il tuo bacino di utenza!

 

5. Non guardare i competitors e gli Insights

Guarda i tuoi post migliori e impara a superarti. Ancora, guarda i post migliori dei tuoi competitors e scopri cosa piace al tuo pubblico.

Oltre alla pagina Facebook dei tuoi competitors, sbircia la sezione Insights, vai sulla categoria POST e rispondi a queste domande: Quale dei tuoi post ha ricevuto una copertura organica maggiore? È stato un caso, o c'è qualcosa che puoi replicare, come fare una domanda, taggare altre persone o pubblicare a un orario specifico? Quale post ha ottenuto il maggior numero di like? C’è quindi qualche formato, ad esempio blog post, o argomento che piace particolarmente al tuo pubblico e quindi dovresti concentrarti su quello?

Osservare i comportamenti del pubblico e le performance dei post è quello che ti fa progredire sui social media. 

 

In breve, gli errori da evitare sono quelli che non portano benefits alla tua attività, mentre le strategie da promuovere sono quelle che migliorano le tue performance on line e off line!

Se hai bisogno di altri suggerimenti o di un’analisi approfondita dei tuoi canali social, scrivici senza impegno!

TAGS
, ,